brasileirao2015

Manca poco più di un mese all’inizio del campionato brasiliano 2015 anche se la stagione calcistica in Brasile è già nel vivo con i campionati statali e la fase a gironi della Libertadores che già decretando le prime sentenze. Come hanno iniziato questo 2015 i grandi club brasiliani e come si stanno avvicinando all’inizio del campionato?

Partiamo dal CORINTHIANS: finora è la squadra che ha mostrato maggiore solidità, è in testa nel Paulista e nel suo girone di Copa Libertadores. Il suo principale acquisto? Il ritorno in panchina di Tite.

Il PALMEIRAS è tornata tra le grandi dopo una stagione complicata, con una nuova retrocessione scampata all’ultima giornata. Il club però sta sognando in grande grazie al nuovo e bellissimo stadio di proprietà e alla guida del DS Alexandre Mattos che in questi ultimi anni ha fatto meraviglie al Cruzeiro.

Il SAO PAULO l’anno scorso terminò in seconda posizione e anche quest’anno sembrava essere partito bene. Poi due sconfitte in campionato e coppa contro il Corinthians hanno minato la fiducia della squadra che è entrata in una piccola crisi. Con l’esperienza di Muricy in panchina e una rosa competitiva il Sao Paulo rimane una delle squadre favorite per il titolo anche quest’anno.

Il SANTOS ha dovuto affrontare una crisi finanziaria a fine 2014 e la campagna acquisti del club ne ha risentito. il Peixe è riuscita a confermare Robinho e altri senatori come Elano e Renatinho a cui si sono aggiunti altri giocatori di esperienza come Ricardo Oliveira. Al loro fianco il Santos spera nella maturazione definitiva di alcuni giovani talenti come Lucas Lima, Gabriel, Geuvanio e Caju.

Continua a leggere

Santos esonera allenatore

Enderson Moreira non è più il tecnico del Santos. Nonostante la buona fase della squadra in campo (il Santos è in testa al gruppo 4 del Paulistao) l’atteggiamento dell’allenatore stava irritando da tempo la dirigenza, soprattutto per l’ostinazione in tenere in panchina alcuni giocatori della “cantera” del Santos come Gabriel.

La notizia dell’esonero di Enderson è arrivata a Robinho che ha avvisato i compagni attraverso whatsapp e in molti hanno reagisto mandando messaggi di giubilo.

Il modo con cui Enderson si rivolgeva ai ragazzi irritava la dirigenza, era opinione diffusa che l’allenatore rimproverava troppo fino a mancare di rispetto con alcuni giovani della rosa. Il presidente Modesto Roma tuttavia ha negato pubblicamente che questo è stato il motivo dell’allontanamento dell’allenatore. Modesto ha convocato una conferenza stampa al centro tecnico di Vila Belmiro per spiegare l’esonero del tecnico e la cosa curiosa è che lo stesso allenatore ha parlato con i giornalisti in maniera normale come se fosse ancora alla guida della squadra dando addirittura indicazioni sulla prossima partita di campionato paulista contro il Botafogo di Ribeirao Preto.

Non solo nei piani dirigenziali ma anche nello spogliatoio i rapporti con l’allenatore erano tesi. La goccia che ha fatto traboccare il vaso è stato il duro attacco di Enderson nei confronti del difensore Gustavo Henrique tanto che alcuni senatori sono intervenuti chiedendo all’allenatore di calmarsi.

I giocatori tra l’altro non avevano digerito l’insistenza dell’allenatore nel richiedere Walter del Fluminense che tra l’altro nel club carioca non gioca per il noto problema di eccesso di peso. Una “fissazione” del mister che non è stata presa bene dagli altri attaccanti del Santos come Ricardo Oliveira e Gabriel.

Enderson che ha sostituito Oswaldo de Oliveira sulla panchina del Peixe durante la scorsa stagione ha ottenuto 16 vittorie, 5 pareggi e 9 sconfitte in 30 partite ufficiali.

Fonte: GloboEsporte

Il campionato brasiliano potrebbe fare un balzo…all’indietro. La CBF, la Federcalcio brasiliana, infatti ha creato una Commissione per discutere la rimodellazione dell’attuale campionato e tornare alla formula dei playoff con scontri a eliminazione diretta.

Corinthians, Coritiba, Atlético-PR, Atletico Mineiro, Gremio, Flamengo, Vasco e Sport appoggiano questo gruppo di lavoro e presenteranno la proposta per il torneo nazionale del 2016.

Dal 2003 infatti il campionato brasiliano si è uniformato alla maggior parte dei campionati europei e mondiali con una classifica finale che premia la squadra che ha totalizzato il maggior numero di punti. Negli ultimi mesi però alcuni club hanno sostenuto il ritorno al vecchio formato che prevedeva una fase finale con i playoff, semifinali e finali per l’assegnazione del titolo. Una specie di Coppa.

Continua a leggere

dagoberto vasco da gama

Finalmente una notizia di mercato importante che riguarda il Vasco! Dal sito ufficiale della squadra infatti è arrivata la conferma che Dagoberto è il nuovo attaccante del Gigante da Colina. Il club di San Januario ha infatti raggiunto l’accordo con il Cruzeiro per il prestito del giocatore fino al termine del 2015.

Dagoberto, poco utilizzato nel Cruzeiro campione brasiliano in carica, è comunque un giocatore d’esperienza che in carriera ha vestito le maglie di Atletico-PR, Sao Paulo, Internacional e infine Cruzeiro. Ha vinto diversi titoli ma tutti nei confini nazionali: 5 Brasileirao e 3 Estaduais.

Non è un attaccante possente, appena 1.75 di altezza ma ha buona rapidità e senso del gol. Con il giovane talento Thalles, molto più possente, credo possano formare una buona coppia per l’attacco del Vasco.

Fonte: vasco.com.br

Allione Palmeiras

Anche se i club russi, cinesi e arabi stanno attraendo sempre più giocatori brasiliani, il sogno per chi disputa il Brasileirao rimane sempre quello di andare in una grande squadra europea.

Sarà per questo che Allione, 20 anni centrocampista esterno del Palmeiras, argentino di nascita (Santa Fé) prenderà a breve il passaporto italiano. Ad inizio anno il giocatore infatti è stato molto vicino alla Fiorentina ma poi la trattativa saltò, forse anche per la questione del suo essere extracomunitario.

Secondo quanto rivelato dal procuratore di Allione, il trasferimento al club viola in realtà non si concluse per volontà del presidente Paulo Nobre che rifiutò l’offerta di prestito presentata dalla Fiorentina per il giocatore.

Con il passaporto comunitario il valore economico del giocatore dovrebbe salire anche in relazione alle buone prestazioni che Allione sta facendo in questo inizio di stagione con il Palmeiras nel campionato paulista.

Fonte: torcedores.com

andreas pereira verso la JuventusUna giovane promessa lascia il Manchester United per andare alla Juventus. Il caso Pogba potrebbe ripetersi all’Old Trafford. Questa volta non si tratta di un giocatore francese bensì brasiliano ma con passaporto belga. Andreas, centrocampista di 19 anni, nato in Belgio da genitori brasiliani non ha accettato il rinnovo dopo tre anni passati nel club inglese.

Andreas, sulle cui tracce c’è anche il Paris Saint Germain, non nasconde però il desiderio di diventare nella Juventus il nuovo Pogba. “Ho già parlato con Paul alcune volte. È un grande amico e mi ha detto che sarei ben accolto a Torino, tanto personalmente quanto a livello professionale. Le due cose sono importanti per me” –  ha detto il giocatore a un giornale italiano.

Andreas, che ha la stessa età che Pogba aveva nel 2012 quando si accasò alla Juventus dovrebbe lasciare lo United nel secondo semestre di quest’anno dopo 3 stagioni passate nel club inglese e già ha elogiato apertamente la Juventus dichiarando l’interesse di giocare in Italia.

Il club di Torino starebbe negoziando con il procuratore del giocatore che, tra le altre cose, conta alcune presenze nella nazionale brasiliana under-20.

tifoso danza virale brasile

Domenica si disputava la partita tra Santos e Red Bull Brasil. Al gol del momentaneo pareggio della squadra ospite un tifoso si è lanciato in uno scatenato balletto sulle gradinate attirando l’attenzione delle telecamere. In poche ore il filmato ha fatto il giro della rete diventanto virale. La cosa curiosa è che nessuno ha riconosciuto questo tifoso eppure la tifoseria del Red Bull, squadra di Campinas che milita nella seconda divisione del campionato Paulista, non è così nutrita.

All’indomani della partita la società ha ricevuto diverse chiamate da parte di stampa o curiosi che volevano prendere contatto con questo tifoso ma nella sede di Jarinu, centro tecnico del Red Bull, nessuno sa chi sia.

Tutti stanno cercando di entrare in contatto con questo tizio, anche noi – ha detto ridendo l’addetto stampa Marcelo Neves. Chissà se tornerà a farsi vedere, con la sua maglia verde, anche nella partita che il “Toro Loko” disputerà questo mercoledì contro il Bragantino?


Tra poche ore Palmeiras e Corinthians scenderanno in campo per il primo derby del nuovo anno nel calcio brasiliano.

La partita arriva dopo una settimana di tensioni che hanno coinvolto non solo i tifosi ma anche le società che si sono pubblicamente lanciate duri attacchi e offese con il presidente del Corinthians Mario Gobbi inviperito per la decisione iniziale del Palmeiras di non riservare un settore dello stadio ai tifosi ospiti.

Il Corinthians, con la minaccia di non scendere in campo ha fatto pressioni sulla Federazione affinché il Palmeiras concedesse uno spazio per i tifosi ospiti. Ovviamente queste tensioni sono sfociate (come se ci fosse bisogno di infuocare gli animi quando si tratta di un derby del genere) in scontri tra tifoserie.

Il derby con il Corinthians torna a disputarsi nello stadio del Palmeiras dopo 39 anni e per la prima volta nel nuovo stadio che non è più il Palestra Italia ma l‘Allianz Parque recentemente inaugurato. L’ultimo derby in casa del Palmeiras risale al 1976 e terminò 1-1 con in gol di Tiao per il Corinthians e Nei per il Palmeiras.

Dopo il 1976 i seguenti derby si disputarono al Pacaembù o al Morumbi stadi che furono costruiti successivamente al Palestra Italia e che assicuravano maggior capienza e sicurezza. Nel 2014 il Corinthians vinse il primo derby col Palmeiras nel nuovo stadio, l’Arena Corinthians, per 2-0.

Il Palmeiras dovrebbe mantenere la formazione che ha perso per 1-0 con il Ponte Preta con Dudu e Alan Patrick tra i titolari. Nel Corinthians Tite non dovrebbe risparmiare troppi giocatori per la Libertadores vista la vittoria per 4-0 nell’andata con l’Once Caldas

Dove vedere la partita?

LiveTV: http://livetv.sx/it/eventinfo/287501_palmeiras_corinthians/

STREAM  http://www.index-of-stream.com/live/stream/41bd5524/palmeiras%20sao%20paulo%20-%20corinthians%20sp/

FUTEBOL AO VIVO http://www.futebolaovivo.in/assistir-palmeiras-x-corinthians-ao-vivo-08022015/

CalcioBrasiliano su Facebook

Segnalato da

BlogItalia - La directory italiana dei blog Be Sport Network http://www.wikio.it

Archivio