Rio de Janeiro e il calcio, nonostante tutto..

by Stefano on

Difficile parlare di calcio quando Rio de Janeiro, città più rappresentativa del Brasile, da più di una settimana è in uno stato di guerra. Una battaglia tra poliziotti e narcotrafficanti, ma che coinvolge tutta la popolazione, non solo gli abitanti delle favelas. Perché a Rio si spara tra le strette vie e dai tetti delle case nel Complexo do Alemao ma nel frattempo vengono incendiati autobus e macchine anche a Ipanema e a Barra da Tijuca.

calcio nelle favelas

In tutto questo il calcio aiuta. Aiuta a ritrovare la normalità, il sorriso, la passione e la voglia di pensare al futuro, ai prossimi mondiali di calcio, in una città finalmente più sicura. E mentre una parte della città aspetta con ansia e paura i nuovi scontri a fuoco, un’altra parte aspetta con gioia di festeggiare lo scudetto del Fluminense, ormai a un passo dalla vittoria del Brasileirao.

Veja o 2º dia de ocupação nas comunidades

Written by: Stefano

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *