Prima di Ronaldinho, i ritorni storici del calcio brasiliano

by Stefano on

Nell’ultimo mese non si è fatto che parlare del ritorno di Ronaldinho in Brasile. Tuttavia, non è la prima volta che un grande campione brasiliano, dopo aver conosciuto il successo in Europa, decide di tornare in patria. A volte per chiudere la carriera, altre volte per rilanciarla.

Il caso più recente è quello di Ronaldo, che nel 2008 ha firmato per il Corinthians portando il club alla conquista del campionato paulista e, nell’anno seguente, della coppa del Brasile. Ronaldo chiuderà la sua carriera a fine della prossima stagione.

Solitamente  i migliori giocatori militano in campionati esteri. L’ultima volta di un vincitore del Pallone d’Oro nel campionato brasiliano è stato nel 1995,  quando Romario è tornato a giocare con la maglia del Flamengo dopo aver vinto la Coppa del Mondo ed essersi aggiudicato l’ambìto premio assegnato da France Futebol.

Nel 2004 Rivaldo sorprese tutti firmando per il Cruzeiro dopo meno di due anni dalla conquista della 5° coppa del mondo nella storia della seleçao brasiliana.  Ma l’esperienza non andò bene, giocò poco e male lasciando delusi i tifosi.

Il ritorno in patria più curioso è stato quello di Marcelinho Carioca nel 1997. Dopo una stagione negativa al Valencia, Marcelinho venne contrattato dalla Federazione Paulista di Calcio che lo mise letteralmente “in palio”.  Fu creato un numero speciale che i tifosi potevano chiamare. La tifoseria che avesse fatto più telefonate “regalava” alla propria squadra il giocatore. Alla fine fu il Corinthians ad aggiudicarselo.

Se il ritorno di Marcelinho Carioca fui il più strano, quello di Raì fu il più polemico. Il giocatore, in forza al PSG,  venne acquistato dal Sao Paulo e fece in tempo a giocare solo l’ultima e decisiva partita del campionato paulista.  E proprio Raì segno il gol vittoria che regalò il titolo al Sao Paulo.

Indimenticati campioni sia in Italia che in Brasile furono Zico, che dall’Udinese tornò al Flamengo nel 1985, e il “re di Roma” Falcao che invece andò al Sao Paulo.

Adriano e Robinho invece sono tornati  in Brasile per rilanciarsi e adesso hanno l’opportunità di affermarsi in Italia.  Adriano, in realtà, si era già conquistato una certa fama durante la sua esperienza all’Inter. Ma non solo per quello che faceva in campo.  Dopo essere stato quasi in procinto di chiudere anticipatamente la carriera è tornato prima al Sao Paulo e poi al Flamengo dove ha conquistato il Brasileirao 2009. Ora è tornato in Italia, a Roma dove però ancora non ha segnato nemmeno un gol.

Robinho invece dopo il trasferimento milionario dal Real Madrid al City di Mancini, dove non giocava mai, è tornato al Santos per riconquistare la maglia della Nazionale e andare ai Mondiali. Adesso è al Milan dove sta disputando una buona stagione.

Written by: Stefano

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *