Felipe Melo, pregiudizi e bugie della stampa brasiliana

by Stefano on

Per quanto tempo ancora Felipe Melo dovrà pagare per quella maledetta semifinale persa ai Mondiali 2010 contro l’Olanda?

Le critiche piovute su di lui subito dopo quella partita in un certo senso potevano essere comprensibili: al tifoso medio serve un capro espiatorio per giustificare una sconfitta così cocente. Ancor più quando si parla di Brasile, una squadra che entra in campo per vincere perchè si sente (spesso giustamente) più forte dell’avversario.

Già un’analisi a mente fredda di quella partita (e di quel mondiale), avrebbe dovuto far capire all’opinione pubblica brasiliana che le debolezze di quella seleçao erano molteplici e non imputabili soltanto a Felipe Melo.

Per questo, a distanza di un anno, sembra assurdo che il pregiudizio negativo che accompagna in patria questo giocatore sia ancora così forte. Specie quando questo pregiudizio si trasforma in una calunnia giornalistica come quella denunciata dallo stesso Felipe Melo via Twitter.

Ieri sera, il centrocampista juventino in vacanza a Rio de Janeiro ha denunciato via Twitter l’articolo diffamatorio pubblicato dalla rivista online Extra in cui il giornalista Leonardo Ferreira raccontava di una serata brava passata dal giocatore alla discoteca Sao Nunca di Barra da Tijuca in compagnia di alcune prostitute (“moças de familia”). Nell’articolo si leggeva che Felipe Melo portasse anche un berretto per non essere riconosciuto.

La replica del giocatore è stata immediata e via Twitter ha dimostrato, con tanto di foto, che si trattava di una grande menzogna: non solo non portava nessun berretto per coprirsi il volto ma sopratutto le donne citate nell’articolo erano sua moglie e un’amica.

Nel frattempo, mentre Felipe Melo si sfogava con i suoi fan e prometteva querele contro il giornalista, la redazione di Extra toglieva l’articolo dal sito: una chiara ammissione che ciò che avevano pubblicato era una notizia non solo diffamatoria, ma anche spudoratamente falsa.

Dispiace vedere una parte della stampa brasiliana cavalcare e alimentare ancora quel un sentimento negativo verso Felipe Melo soltanto per “fare notizia”. Ed è ancor più grave e deontologicamente sbagliato quando addirittura si tenta di gettare fango sulla sua vita privata.

Caratterialmente forse, Felipe Melo può non essere simpatico ma in Europa il giocatore gode di tutt’altra stima: è riuscito a riconquistare gran parte della tifoseria juventina e lo cercano tante squadre tra cui il Real Madrid di Mourinho. Evidentemente, tanto scarso non deve essere.

Written by: Stefano

1 Commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *