São Paulo, fabbrica di talenti brasiliani

by Stefano on




fonte: saopaulindas.spfc1935.com.br

In uno spazio di 220 mila metri quadri, localizzato nella città di Cotia a circa 30 km dalla capitale paulista, il São Paulo ha costruito una vera e propria “fabbrica” di talenti. Voluto fortemente dal presidente Juvenal Juvêncio, il CFA (Centro di Formazione degli Atleti Laudo Natel) è diventato anche una “macchina” da soldi.

Sede provvisoria della seleção brasiliana che affronterà in amichevole il Sudafrica, il centro di allenamento delle giovanili del São Paulo è stato inaugurato nel 2005. Da allora, grazie alle cessioni dei giocatori che qui si sono formati, ha generato un introito nelle casse del São Paulo di circa 200 milioni di reais (80 milioni di euro).



A Cotia, per esempio, è cresciuto e si è rivelato il giocatore al momento più caro del calcio brasiliano. Il mese scorso, il trequartista Lucas è stato venduto al Paris Saint-Germain per 108 milioni di reais. Nella transazione, il club paulista ha guadagnato circa 80 milioni.

“IL CFA è all’avanguardia per preparare giovani calciatori: vari campi in eccellenti condizioni, di diversa misura, hotel di fascia alta, mensa, palestre e centro di fisioterapia e un personale qualificato” ha commentato Adalberto Baptista, direttore sportivo del Sao Paulo.

Lunedì scorso la CBF (federazione calcio brasiliana) ha pubblicato un comunicato stampa elogiando il Centro Tecnico del São Paulo dicendo che è all’altezza di nazionale “penta-campione” del mondo.

I 5 giocatori più cari che si sono formati nel centro di Cotia:

Lucas: R$ 80 milioni (PSG)

Breno: R$ 35 milioni (Bayern Monaco)

Lucas Piazon: 25 milioni (Chelsea)

Hernanes: R$ 20 milioni (Lazio)

Oscar: R$ 15 milioni (Internacional)

Written by: Stefano

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *