Brasile, scoppia la polemica sulle “Malas Brancas”

by Stefano on

In queste ultime giornate di campionato in Brasile ci sono stati moltissimi risultati a sorpresa. In alcuni casi addirittura quasi tutti i pronostici che avevo studiato e pubblicato sul blog sono saltati tanto che parlando con alcuni fan della pagina facebook qualcuno ha detto “è tutto truccato!”. Beh, proprio a questo proposito in questi giorni c’è una questione che tiene banco in Brasile che mi ha molto incuriosito.

Si tratta della discussione sulle cosidette “Malas brancas” un’espressione usata per indicare un supposto incentivo in denaro che sarebbe offerto da una squadra X a giocatori di una squadra Y affinché battano un avversario diretto della squadra X nella conquista di un obiettivo stagionale (salvezza, libertadores etc..).

In pratica: perché una squadra che non ha più niente da chiedere al campionato dovrebbe impegnarsi contro un avversario che invece ha bisogno disperato dei 3 punti? Lealtà sportiva, professionalità, direte voi. Ma come già abbiamo visto anche in Italia, questi dubbi vengono un po’ a tutti.

E così in Brasile alcuni giocatori, come il portiere Fernando Prass, hanno confessato di aver ricevuto proposte di questo tipo e c’è chi addirittura difende la pratica (illegale e punita dalla CBF) della “mala branca”.

Un articolo su futebolbahiano.org parla di differenza tra mala preta (chi paga una squadra per perdere) e mala branca (chi paga per motivarla a vincere) parlando di quest’ultima come una pratica giusta e schierandosi contro l’ipocrisia spicciola dei giornalisti e altri addetti ai lavori che invece gridano allo scandalo.

In molti sono sicuri che alcuni giocatori riceveranno incentivi in quest’ultima giornata di campionato dove Bahia, Vitoria e Palmeiras si giocheranno la permanenza in Serie A.

Insomma, al di là dell’aspetto morale della vicenda avrete capito che fare i pronostici per l’ultima giornata sarà molto difficile e se avete intenzione di scommettere, non date per scontato alcun risultato.

Written by: Stefano

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *