Tutto su Rivelino: l’elastico, il sesso prima delle partite e la paura degli ascensori.

by Stefano on

Rivelino Brasile 1970

Roberto Rivelino, ex campione della Fluminense e della mitica seleçao brasiliana del 1970 a 71 anni ha rilasciato una intervista esclusiva a GloboEsporte in cui ha raccontato la sua vita con aneddoti legati al campo e alla sua vita extra-calcistica tra amanti focose e strane fobie.

Dotato di un sinistro potentissimo e tecnica straordinaria ha legato la sua storia alla maglia del Fluminense e ha fatto parte di quello storico Brasile che contava su Jairzinho, Gerson, Tostão e ovviamente Pelé da cui, per due Mondiali consecutivi, ereditò la maglia numero 10.

Fu Rivelino a far diventare famoso il cosidetto dribbling dell’elastico: un colpo visto e copiato all’amico Sergio Echigo, suo compagno nelle giovanili del Corinthians. Un dribbling fulmineo, umiliante per chi lo riceve e che 35 anni dopo l’addio al calcio giocato ancora è legato al nome di Rivelino.

Sesso prima di Austria-Brasile

Rivelino fa parte di quel gruppo di calciatori, molto numeroso in Brasile, da Romario a Fred, che non si è mai risparmiato con le donne, anche prima di partite importanti.
Nel 1970, prima della partita tra Austria e Brasile una donna si nascose nell’armadio della camera d’albergo di Rivelino. Il sesso prima della partita non lo deconcentrò affatto: fù tra i migliori in campo segnando anche il gol del decisivo 1-0. Rivelino finì sui tabloid brasiliani anche per la sua storia clandestina con Sonia Braga, una delle più famose attrici brasiliane e allora sex simbol.

Rivelino e la paura dell’ascensore

Senza paura in campo ma terrorizzato dagli ascensori! Rivelino ha raccontato questa sua fobia per cui usa soltanto le scale, anche per salire quattro o più piani di un edificio.

L’inizio nel Corinthians e l’ascesa nella Fluminense

Gli anni nel Corinthians non furono facili per Rivelino che alla fine fu il bersaglio di una campagna polemica da parte di una parte della stampa che lo portò ad approdare al Fluminense. A Rio Rivelino ha vissuto i suoi anni più gloriosi anche se con la maglia tricolore non arrivò mai a conquistare il titolo nazionale.

I migliori calciatori con cui ha giocato Rivelino

Gerson, Pelé, Tostão, Clodoaldo e Jairzinho. Ma menzione speciale anche per Cruyff (che non conosceva prima del Mondiale del 1974), Maradona, Romario (che avrebbe giocato nella seleçao del 1970) e Garrincha, uno dei più forti di tutti i tempi ma che spesso viene dimenticato dalla gente brasiliana.

Critica al calcio brasiliano

Per Rivelino la qualità del campionato brasiliano è  di serie C. Giocatori che nel resto del mondo non trovano spazio, in Brasile fanno i titolari. Non risparmia nemmeno Ronaldo Fenomeno, che con 100 kg di peso giocava titolare nel Corinthians.

Written by: Stefano

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *