Copa Libertadores

squadre più forti libertadores 2017

La coppa Libertadores è iniziata lo scorso 23 gennaio e questa settimana Botafogo e Atletico-PR hanno esordito entrambe con una vittoria nel proprio girone di qualificazione. Le due squadre brasiliane sono tra le 10 squadre più forti della Libertadores 2017, ovvero quelle squadre che presentano le rosa più competitive e più pagate della competizione.

Veron capitano EstudiantesTra le squadre favorite, tre sono argentine: l’Estudiantes, squadra quattro volte vincitrice del torneo e capitanata dal 41enne Juan Sebastian Veron. Ci sono poi il San Lorenzo, la famosa “squadra del Papa” ha vinto la sua prima Libertadores nel 2014 e il River Plate che ha trionfato l’anno successivo.

Sono però le squadre brasiliane ad aver maggiormente speso per allestire rose importanti. Oltre al Botafogo e l’Atletico-PR, c’è il Santos di Lucas Lima e dei giovani Thiago Maia e Zeca. Tra le squadre più forti della Libertadores 2017 si inserisce a pieno titolo anche il Flamengo di Diego, Conca, Guerrero e della giovane promessa Vinicius.

Diego Flamengo Anche il Palmeiras, nonostante la partenza di Gabriel Jesus, ha comprato molto sul mercato e ha allestito una rosa competitiva per la conquista della Copa.

Attenzione al Gremio che ha una rosa dal valore di circa 65 milioni di dollari e soprattutto all’Atletico-Mineiro: con Robinho, Pratto, Fred e Cazares la squadra di Belo Horizonte riproverà a vincere la coppa dopo averla conquistata nel 2013.

quarti di finale libertadores atletico-mg x sao paulo

Il cammino del Sao Paulo in Libertadores non è stato dei più facili. Ma nella notte, all’Estadio Independencia, il club paulista avrà la chance di lasciarsi i tempi bui alle spalle e proseguire la stagione con maggiore tranquillità. Per farlo però dovrà eliminare il suo peggior nemico brasiliano in Libertadores.

Dal 2006 per il Sao Paulo è stato un festival di eliminazioni in Libertadores. Tuttavia dopo un inizio difficile, il Tricolor è arrivato ai quarti di finale della competizione e sfiderà l’Atletico-MG partendo dall’1-0 conquistato nella partita di andata.

I confronti precedenti sono favorevoli alla formazione mineira: in 9 partite, il Galo ha vinto 4 volte, pareggiato tre volte e perso 2. Ma non tutte le statistiche sono avverse al Sao Paulo. L’Atletico-MG infatti non ha mai vinto una partita nei quarti di finale di Libertadores. Persino nel 2013, quando la squadra vinse la coppa, ha pareggiato le due partite contro il Tijuana passando per aver segnato più gol fuori casa.

Il tecnico Bauza potrà schierare la miglior formazione possibile e in attacco si affiderà a Calleri. Nell’Atletico, Diego Aguirre ha recuperato Robinho che era in dubbio per la partita, ma perde Rafael Carioca, vero punto di forza del centrocampo, e Junior Urso.

LINK STREAMING. Per vederla con Acestream e Sopcast: http://www.acesoplisting.in

Calleri Sao Paulo

Con 7 gol in Libertadores, l’attaccante argentino eguaglia idoli della torcida del São Paulo come Raì, Luis Fabiano e Adriano. Non solo: la sua media gol nella competizione internazionale è la migliore nella storia del São Paulo.

All’inizio della sua avventura nel tricolor paulista in pochi avrebbero scommesso che Jonathan Calleri avrebbe raggiunto numeri impressionanti dopo sei partite in Libertadores. Con 7 gol, è tra i 10 maggiori marcatori della storia del club. L’importanza dell’attaccante nella squadra paulista è tale che, nell’ultima partita, Paulo Henrique Ganso ha chiesto al tecnico Edgardo Bauza di sostituirlo per evitare che venisse espulso visto le continue provocazioni dei giocatori del River Plate nei suoi confronti (Calleri è un ex Boca Juniors).

L’impatto di Calleri nel Sao Paulo è stato così grande che i vertici del club stanno negoziando la possibilità di estendere il contratto di prestito che scade il 30 giugno al termine del quale il giocatore (che ha passaporto italiano) dovrebbe trasferirsi in Europa, con Inter e Roma già sulle sue tracce.

Libertadores Corinthians eliminato dal Guarani
Si sono disputati ieri notte gli ottavi di finale della Copa Libertadores e i timori della vigilia sui precedenti in coppa delle squadre brasiliane si sono rivelati fondati.

Nuovamente il Corinthians non è riuscito a recuperare una situazione compromessa in parte nella partita di andata. Pur avendo sempre il possesso del pallone, la formazione allenata da Tite non è riuscita a trovare il gol che avrebbe riequilibrato il confronto e nei minuti di recupero ha subito addirittura la rete della sconfitta che ha sancito il meritato passaggio del turno del Guarani.

Al Mineirao, il Sao Paulo non è riuscito a difendere il vantaggio della partita di andata contro il Cruzeiro finendo perdendo ai rigori nonostante una grande prestazione di Rogerio Ceni che ha parato i tiri dal dischetto di Leandro Damiao e Manoel.

Infine l’Internacional ha fatto valere il fattore campo e in un Beira-Rio gremito ha battuto 3-1 l’Atletico-MG. Valdivia, ancora lui, ha messo a segno il primo gol con un pallonetto delizioso. Ancora meglio ha fatto D’Alessandro con un tiro a giro sul secondo palo. A nulla è servito il momentaneo 2-1 siglato dal solito Lucas Pratto perché un regalo di Datolo ha mandato in porta Lisandro Lopez che ha fissato il risultato sul 3-1.

INTERNACIONAL 3×1 ATLETICO-MGChe partita al Beira Rio! Golaço di Valdivia e D'Alessandro, il Galo accorcia le distanze con Pratto ma Lisandro Lopez chiude il conto nel finale. #Libertadores2015

Posted by Calcio Brasiliano on Giovedì 14 maggio 2015

Libertadores, i tabù da sfatare club brasiliani

Si gioca domani il ritorno degli ottavi di finale di Copa Libertadores. Tante le sfide affascinanti, forse in primis quella tra Boca e River Plate e sono cinque i club brasiliani impegnati. Nelle fasi decisive della coppa il bilancio delle squadre brasiliane però non è positivo.
Il Corinthians che parte dalla sconfitta per 1-0 con il Guarani non è mai riuscito a ribaltare il risultato in una fase a scontro diretto. Il Sao Paulo ha sofferto spesso fuori casa e il Cruzeiro ha collezionato delusioni al Mineirao. L’Atlético-MG invece non avrà il supporto spesso decisivo del proprio pubblico. L’unica squadra che in teoria parte più tranquilla è quella dell’Internacional, forte del 2-2 fuori casa nella sfida proprio contro l’Atletico.

Cruzeiro x Sao Paulo

Unica formazione ad aver vinto la partita dell’andata negli ottavi di finale, il Sao Paulo dovrà difendere in trasferta l’1-0 conquistato al Morumbi contro il Cruzeiro. I precedenti però dicono che il Sao Paulo è stato eliminato nelle ultime quattro occasioni che ha giocato la partita di ritorno contro un’altra brasiliana (2006 Inter, 2007 Gremio, Fluminense 2008, Atletico-MG 2013).

A rincuorare i tifosi del Sao Paulo, i precedenti del Cruzeiro che al Mineirao ha sprecato molte occasioni come nel 2009 quando perse contro l’Estudiantes.

Inter x Atletico-MG

A differenza del Cruzeiro, il Galo ci ha abituato negli ultimi anni ad incredibili rimonte sia in Libertadores sia in Copa do Brasil. Però, la maggior parte di queste sono arrivate tra le mura amiche dell’Indipendencia (da qui il motto “Caiu no Horto, tà morto!”). E per aumentare ancora di più le difficoltà dell’Atletico, la rimonta dovrebbe avvenire al Beira-Rio dove invece i padroni di casa dell’Inter hanno una tradizione positiva.
Nei due titoli conquistati del 2006 e 2010, l’Inter ha deciso con il gioco in casa ben sei degli 8 scontri diretti.

Corinthians x Guarani

Mai nella storia della Libertadores il Corinthians è riuscito a ribaltare il risultato in casa dopo aver perso la gara dell’andata. Successe nel 1991 conto il Boca Juniors, si è ripetuto contro il River Plate nel 2003 e nel 2006. Anche nel 2010 dopo aver perso la 1° col Flamengo, il 2-1 in casa non fu sufficiente per passare il turno.

Adriano Atletico-PR

fonte: atleticoparanaense.com

Ora è ufficiale. Adriano, ex-Imperatore, ha tolto le pantofole per tornare a indossare gli scarpini. Il giocatore, che si era ritirato precocemente come professionista, è ufficialmente tornato a essere un giocatore di calcio e vestirà la maglia dell’Atlético Paranaense.

L’annuncio è arrivato questo martedì, data limite per l’iscrizione del giocatore nella lista per la Copa Libertadores 2014, grande obiettivo del club per la prossima stagione.

Adriano, 31 anni, è arrivato per essere la stella della squadra, tuttavia, senza le concessioni e i benefit inseriti nei suoi precedenti contratti. L’Atletico ha offerto un contratto di 1 anno e pieno di clausole per evitare gli problemi accaduti durante il trascorso del giocatore nella Roma o nel Corinthians. Nonostante le cifre non siano ufficiali, il compenso dell’attaccante dovrebbe aggirarsi intorno ai 100mila reais al mese, più un bonus sul numero di gol, partite disputate, magliette vendute.

Adriano non gioca una partita ufficiale da 2 anni e potrebbe tornare a calcare il campo di gioco questo giovedì contro i boliviani del The Strongest, incontro della fase a gruppi della Libertadores. Tuttavia l’attaccante, evidentemente fuori forma, si accomoderà inizialmente solo panchina.

Raja Casablanca batte 3-1 l'Atletico Mineiro

C’erano grandi attese attorno all’Atlético-MG per questo Mondiale per Club. Tanti tifosi brasiliani sono partiti a seguito della squadra in Marocco per inseguire un sogno che  però, si è trasformato in un incubo. Perché a Marrakesh è accaduto l’impensabile: il modesto Raja Casablanca ha stracciato per 3-1 Ronaldinho e vola in finale contro il Bayern Monaco. All’Atletico Mineiro, campione in Copa Libertadores, non rimane che lo sconforto e l’onta della vergogna. La stessa sensazione che hanno provato giocatori e tifosi dell’Internacional nel 2010 eliminati a sorpresa da un’altra squadra africana, il Mazembe. Evidentemente l’Africa è una maledizione per il Brasile, ricordando anche quanto successo alla Seleçao  nel Mondiale 2010 proprio in Sud Africa.

Globoesporte paral di “enorme tragedia, uno dei giorni peggiori, forse IL peggiore nei 100 anni di storia dell’Atletico. Per il calcio marocchino invece è un momento senza eguali, un giorno che verrà ricordato negli annali del calcio africano.

Libertadores 2014 sorteggi

Botafogo e Flamengo giocheranno in alta quota (La Paz, 3600 metri sopra il livello del mare), al Grêmio toccherà un girone di ferro mentre è andata meglio a Cruzeiro e Atletico-MG. Per l’Atlético-PR preliminari contro i peruviani dello Sporting Cristal. Sono questi i risultati del sorteggio che ha definito i gruppi della prossima Copa Libertadores.

Ecco le partite della fase preliminare (Pré-Libertadores):

Partita 1 – Atletico-PR x Sporting Cristal-PER
Partita 2 – Botafogo x Deportivo Quito-EQU
Partita 3 – Guarani-PAR x Chile 3
Partita 4 – Argentina 5 x Caracas-VEN
Partita 5 – Independiente Santa Fé-COL x Monarcas Morelia-MEX
Partita 6 – Nacional-URU x Oriente Petrolero-BOL

Tutti i gruppi della Copa Libertadores 2014

Gruppo 1: Vélez-ARG, Bolívia 2 (The Strongest o San José-BOL), Peru 1 (Garcilaso o Universitario) e vincente della partita 1 (Sporting Cristal-PER ou Atlético-PR).

Gruppo 2: Unión Española-CHI, Argentina 3 (San Lorenzo o Lanús), Independiente José Terán-EQU, vincente della partita 2 (Botafogo o Deportivo Quito-EQU).

Gruppo 3: Cerro Porteño, O’Higgins-CHI, Deportivo Cali-COL, vincente della partita 4 (Caracas x Lanús-ARG o River Plate-ARG)

Gruppo 4: Atlético-MG, Nacional-PAR, Zamora-VEN e vincente della partita 5 (Monarcas Morelia-MEX x Independiente Santa Fé-COL)

Gruppo 5: Cruzeiro, Defensor-URU, Peru2 (Garcilaso o Universitario) e vincente partita 3 (Chile 3 x Guaraní-PAR).

Gruppo 6: Newell’s, Grêmio, Atlético Nacional-COL, vincente della partita 6 (Nacional-URU x Oriente Petrolero-BOL)

Gruppo 7: Bolívar-BOL, Flamengo, Emelec-EQU e León-MEX

Gruppo 8: Peñarol-URU, Arsenal-ARG, Anzoátegui-VEN e Santos Laguna-MEX

CalcioBrasiliano su Facebook
Segnalato da
Be Sport Network
Archivio