Copa Sul Americana

Foto: AP (Globoesporte)

Foto: AP (Globoesporte)

A distanza di un anno dalla conquista della Copa Libertadores l’Atletico-MG torna ad alzare un trofeo battendo il Lanus nella finale di Recopa Sul-Americana.

In un Mineirão pienissimo e colorato di bianconero da 54.786 paganti, l’Atletico ha dovuto sudare ma alla fine si è imposto per 4-3 sulla formazione argentina conquistando un titolo che mancava in bacheca. I gol partita sono stati segnati da Diego Tardelli, Maicosuel (ex Udinese), Luan e Ayala (autogol) per il Galo mentre per il Lanus sono andati a segno Ayala, Santiago Silva e Acosta.

Una partita sofferta, che si è conclusa solo ai supplementari. I 90 minuti infatti si sono chiusi con il Lanus in vantaggio per 3-2 pareggiando il risultato dell’andata di 0-1 (non vale in questa competizione la regola dei gol in trasferta).Nei 30 minuti extra sono arrivati i 2 gol decisivi per l’Atletico.

Dopo la gara di andata c’era ottimismo tra i brasiliani che hanno avuto vita facile contro il Lanus e il gol di Tardelli , il 100° con la maglia dell’Atletico, dopo sei minuti sembrava aver spianato la strada al Galo. Poi c’è stata la reazione del Lanus ed è stata necessaria una grande prestazione della squadra mineira per portare a casa il risultato.

La Recopa è il quarto titolo internazionale vinto dall’Atletico-MG dopo la Libertadores del 2013 e la Copa Conmebol vinta nel 1992 e nel 1997.

Ponte Preta finale Sul Americana

fonte: GloboEsporte.com (Foto: Marcos Ribolli)

Non importa in questo momento se il Ponte Preta (o “la” Ponte Preta, come dicono in Brasile) vincerà o meno la Copa Sul-Americana: ora per la squadra e i tifosi è il momento di festeggiare un fatto storico. Per la prima volta nei suoi 113 anni di storia a Macaca (altro soprannome della squadra) approda a una finale di un torneo internazionale. Ed è un fatto ancora più clamoroso se si considera che il Ponte Preta in campionato è praticamente a un passo dalla serie B.

La partita contro il Sao Paulo allo stadio Romildo Ferreira a Mogi Mirim si è rivelato una pura formalità. Dopo aver vinto l’andata per 3-1 al Morumbi mercoledì scorso, la formazione di Campinas avrebbe potuto perdere anche per 2-0 e avanzare lo stesso.

È arrivato invece un pareggio per 1-1 che ha spazzato via qualsiasi speranza per il Sao Paulo che fallisce l’ennesimo obiettivo di una stagione anonima, una delle peggiori nella storia del Tricolor: eliminato in semifinale nel Paulista, negli ottavi della Libertadores, lotta per non retrocedere nel Brasileirao rimaneva la chance di essere bi-campione della Sul-Americana.

CalcioBrasiliano su Facebook
Segnalato da
Be Sport Network
Archivio