Corinthians

Palmeiras vs Corinthians: che duello sul mercato!

by Stefano on

drogba corinthians

A gennaio in Brasile è periodo di calciomercato. Per la nuova stagione che sta per iniziare, prima con i campionati statali e poi con il Brasileirao 2017, i club brasiliani iniziano a presentare i nuovi acquisti. Il Palmeiras, vincitore dell’ultimo campionato brasiliano,  è una delle squadre brasiliane più attive sul mercato: prima l’arrivo di Felipe Melo dall’Inter, già entrato nei cuori dei tifosi. Oggi è stato il turno di Michel Bastos, anche lui transitato in Italia senza lasciare segno nella Roma, ma in Brasile legato soprattutto alla maglia dei rivali del Sao Paulo.

Durante la conferenza stampa, il giocatore ha dovuto rispondere alle tante domande dei cronisti sul suo passato con la maglia del tricolor paulista. Michel Bastos è tornato del difficile rapporto con la tifoseria organizzata che è arrivata a minacciarlo e aggredirlo. L’ex Sao Paulo ha anche avuto parole di stima nei confronti del suo nuovo compagno Felipe Melo con cui ha giocato nel Gremio oltre che nella Seleçao Brasiliana.

Il Corinthians tenta il colpo Drogba

Se il Palmeiras si rinforza, i rivali del Corinthians non stanno a guardare. Per tornare a essere competitivi nel Brasileirao e in Copa Libertadores, dalla Turchia è arrivato Kazim, ex compagno di Felipe Melo nel Galatasaray. Nonostante l’amicizia tra i due, il turco ha promesso di usare le maniere dure quando si incontreranno da avversari sul campo.  Oltre a Kazim, il sogno dei tifosi del Corinthians è l’acquisto di Didier Drogba, un affare che potrebbe delinearsi nelle prossime ore.

Il giocatore della Costa d’Avorio che è libero sul mercato ha già accettato i termini proposti dal Corinthians, circa 150 mila dollari al mese, ora si aspetta l’ok della dirigenza perché un emissario del club si rechi a Londra per portare a termine la trattativa. Didier Drogba, che nelle ultime 2 stagioni ha giocato con l’Impact Montreal, se tutto andrà bene, potrebbe essere un giocatore del Corinthians già da questo fine settimana.

Corinthians: Maicon è l’obiettivo per il 2015

by Stefano on

Fonte: esporteinterativo.com.br

Maicon, laterale destro della Roma è l’obiettivo del Corinthians per la stagione 2015. Secondo indiscrezioni del canale Fox Sports, Maicon sarebbe stato chiesto espressamente dal candidato alla presidenza del club, Roberto de Andrade, al direttore sportivo del Corinthians Edu Gaspar. Il Corinthians infatti si sta già muovendo per rinforzare la squadra in vista della prossima stagione e Maicon sarebbe un giocatore importante e di esperienza soprattuto per fare bene in Copa Libertadores.

La trattativa per riportare in Brasile il 33enne difensore esterno sarebbe agevolata dagli ottimi rapporti tra il Corinthians e la Roma. Negli ultimi anni dal club paulista sono arrivati nella Capitale italiana giocatori come Dodô, Leandro Castán e Marquinhos. Secondo quanto scrive Fox Sports, il possibile acquisto di Maicon sarebbe già stato avallato anche dall’allenatore Tite che ritorna alla guida del Corinthians dopo la parentesi di Mano Menezes.

L’ipotesi di un approdo di Maicon a Sao Paulo sponda Corinthians è suggestiva, ma al di là di una trattativa non semplice con la Roma, in cui Maicon è uno dei titolari indiscussi, la dirigenza del Corinthians dovrebbe rivedere gli accordi con Fagner, attuale titolare della fascia destra, con cui si stava negoziando il rinnovo del prestito anche nel 2015.

Due giovani talenti da soffiare al Corinthians

by Stefano on

giovani talenti del corinthians malcom e matheus pereira
Si avvicina il mercato di gennaio e il Corinthians potrebbe vedersi soffiare due giovani promesse del suo settore giovanile.

Oltre all’attaccante Malcom anche il centrocampista Matheus Pereira, 16 anni e numero 10 della nazionale brasiliana under-17 sono finiti nel mirino di diversi club europei. Entrambi i giocatori infatti non hanno ancora un contratto da professionisti e il club paulista potrebbe perderli già a gennaio. La Elenko Sport, società che detiene la quota maggiore dei diritti sportivi dei 2 giovani calciatori brasiliani vorrebbe già chiudere le trattative entro la fine della prossima settimana.

Dinamo Kiev e Olympique Marsiglia sono le due società che hanno mostrato il maggiore interesse e sono tra l’altro destinazioni gradite sia da Malcom che da Matheus Pereira. Entrambi martedì sono sbarcati a Marsiglia con i loro rappresentanti Fernando Garcia e Guilherme Miranda per visitare il centro sportivo del club, che si era già aggiudicato a settembre l’ex difensore del Botafogo, Doria.

Malcom Filipe Silva de Oliveira, 17 anni, si è messo in evidenza nelle giovanili del Corinthians durante la Copa Sao Paulo. Nel 2014 ha messo a segno il suo primo gol in prima squadra e Mano Menezes lo ha schierato diverse volte nell’11 titolare.

Matheus Pereira soprannominato Pirulão è stato uno dei principali artefici della vittoria del Corinthians nel campionato Under-15 del 2013. Prestazioni che gli sono valse anche il titolo di migliore giovane brasiliano della stagione


Conheça Matheus Pereira, revelação que o Timão… di LANCETV

Il Siviglia offre 6 milioni per Ralf del Corinthians

by Stefano on

ralf corinthians offerta sivigliaDopo la cessione di Paulinho al Tottenham, un altro giocatore fondamentale del Corinthians è corteggiato da una squadra europea. Si tratta del mediano Ralf per cui il Siviglia, secondo il quotidiano Diario De S.Paulo, ha presentato un offerta di 18 milioni di reais, circa 6 milioni di euro.

Il Direttore generale del Corinthians Roberto de Andrade ha fatto sapere che il club non è intenzionato a vendere il giocatore ma questo non impedisce che possano essere intavolate trattative qualora il giocatore manifestasse l’intenzione di partire.

Sempre dal Diario de S.Paulo si legge che Ralf abbia confidato agli amici di non essere entusiasta della proposta economica del Siviglia visto che nel Corinthians è uno dei giocatori più pagati (riceve 300 mila reais al mese, circa 98 mila euro.)

Ralf ha già ricevuto un aumento di stipendio nel 2011 dopo che la Fiorentina aveva presentato un’offerta di 15 milioni di reais, circa 4,5 milioni di euro.

In questi giorni tutti mi chiedono di raccontare cosa sta succedendo in Brasile. Raccontare e soprattutto spiegare le proteste contro la Coppa del mondo, il perché di queste manifestazioni e se la situazione è come viene presentata in tv o come diffusa attraverso i social media.

Ho visto immagini, parlato con tanta gente, sentito diverse opinioni e alla fine sono rimasto un po’confuso anche io. Voglio dire, le tematiche legate a queste proteste sono tante: dalla corruzione, allo spreco di denaro, alla mancanza di  scuole e ospedali. Sono così tante che alla fine si perde il senso del concreto. Mi ripetevo: la Coppa del Mondo 2014, scelta come simbolo della rivolta, non ha portato posti di lavoro specie alle fasce più povere? Quando ho letto questo articolo sulla storia di Jailson, operaio che vive nei pressi dell’Itaqueirao, futuro stadio del Corinthians ho pensato fosse il modo più concreto per descrivere le laceranti contraddizioni che affliggono la maggior parte dei brasiliani e che l’organizzazione della Coppa del Mondo ha reso ancora più esasperanti.

Cícero Jaílson Ponciano da Silva vive nella Comunidade da Paz, favela della zona est di São Paulo. Gestisce un baretto fatiscente e quando hanno aperto i cantieri del progetto di “riqualificazione urbana” voluto dalla prefettura di São Paulo ha trovato lavoro come operaio. Solo dopo ha capito che queste opere avrebbero spazzato via la sua casa. Per costruire il Polo Istituzionale di Itaquera che includerà lo stadio, vari enti, una biblioteca, un posto di vigili del fuoco e della polizia e un parco c’è bisogno di spazio, quello occupato dalla Comunità li vicino.

 

Cosa ne sarà della gente che sarà sfollata? Questo nessuno l’ha previsto nel momento di firmare in qualche lussuoso ufficio l’avvio dei lavori.E nessuno dice niente agli abitanti della Comunità, nessuno sa quale sarà la loro fine. Dove andrà Jailson e la sua famiglia composta da 4 persone tra cui un figlio di 11 anni paralizzato? Sommando quello che ricava dal bar, alla paga da operaio e all’indenizzazione della Previdenza Sociale per il figlio arriva a 2.500 reais (860 euro).

Questo è secondo me l’esempio più evidente dei problemi legati all’organizzazione dei mondiali brasiliani. Tutto il progetto è stato avviato senza prevedere un piano di inclusione sociale, un progresso che fosse a vantaggio di tutti. Si è fatto “alla brasiliana”: i problemi vengono coperti, oscurati o fatti sparire. In Brasile è così da anni, il turista che passeggia a Copacabana vede solo una fila interminabile di lussuosi hotel ma non le distese favelas che ci sono dietro.

Jailson è uno dei simboli di questa Coppa del Mondo. Una contraddizione ambulante: quanto più lavora sodo al cantiere per guadagnare i soldi necessari per vivere e mantenere la sua famiglia, quanto prima si avvicinerà la fine per la sua casa e quella degli altri abitanti della zona. Per questo odia il calcio? Neanche per sogno, continua a essere un grande tifoso del Corithians, la squadra che gli sta seppellendo casa per far posto a uno stadio inutile (lo stadio scelto per ospitare il Mondiale 2014 è il Morumbi). Ma non proverà più quell’entusiasmo che un Mondiale porta generalmente in tutti i tifosi brasiliani.

“Mai più riuscirò a vedere la Copa nello stesso modo. E il ricordo dell’abbandono della mia casa, perché so già che avverrà, sarà eterno.”

Pato, altro errore sotto porta. Che succede al Papero?

by Stefano on

Pato Corinthians

È stato l’acquisto più caro del mercato del Corinthians (circa 40 milioni di reais, 16 milioni di euro) ma finora per Alexandre Pato ci sono stati più fischi che applausi.  Il Papero è tornato in Brasile dopo alcune stagioni tormentate al Milan, dove negli ultimi 2 anni ha passato più tempo in infermeria che sul campo. Ha iniziato stagione con il Corinthians partendo dalla panchina e la partita di mercoledì contro il modesto Goias era un’opportunità per dimostrare a Tite di meritare una maglia da titolare.

Purtroppo Pato ha sbagliato una palla gol clamorosa, forse la migliore costruita dal Corinthians durante la partita. Errore che è costato caro, visto che il risultato finale è stato di 1-1.  All’8 minuto del secondo tempo, con il Goias in vantaggio per 1-0, Pato ha ricevuto un passaggio filtrante di Douglas trovandosi a tu per tu con il portiere ma dopo averlo saltato ha sparato il pallone alto sopra la traversa.

Capita a tutti di sbagliare. Se non fosse che questo è il terzo errore grossolano che l’attaccante ex-Milan commette sotto porta. Quello contro  il Boca Juniors di certo è stato il più grave visto che è costato l’eliminazione in Libertadores. Emerson Sheik, Guerrero, Romarinho e Pato: sono in 4 attaccanti a contendersi 3 posti. Finora Pato è stata la quarta scelta e nonostante l’errore di mercoledì potrebbe tornare a essere schierato tra i primi 11 anche contro il Cruzeiro e la Portuguesa visto che Guerrero è stato convocato nella nazionale peruviana e salterà i due match.

Pato torna al gol con il Corinthians

fonte: http://esporte.ig.com.br

La 5° giornata del campionato paulista è stata ricca di emozioni. Iniziamo dalla goleada del Corinthians che ha battuto per 5-0 l’Oeste. Tra i marcatori c’è anche Pato, all’esordio con la sua nuova squadra. L’ex milanista non poteva desiderare una festa migliore. Gli applausi scroscianti del pubblico e soprattutto il ritorno al gol per chiudere un periodo difficile costellato di infortuni.

Emozioni contrastanti al Vila Belmiro dove è andato in scena il “classico” tra Santos e Sao Paulo nella prima partita di Ganso da avversario davanti ai suoi ex-tifosi. La torcida del Santos non è stata di certo benevola nei suoi confronti: oltre ai fischi nei confronti di Ganso per tutta la partita ci sono stati pericolosi lanci di oggetti che potrebbero portare alla squalifica del campo. Il match si è chiuso con la vittoria del Santos per 3-1 ma con il Sao Paulo che ha recriminato per il gol annullato a Luis Fabiano.

Stecca di nuovo il Palmeiras, soprattutto in difesa. La squadra allenata da Kleina ha pareggiato per 3-3 contro il Piracicaba grazie a 2 gol del difensore Henrique e una giocata del centrocampista Marcio Araujo. Se la difesa del Palmeiras fa acqua da tutte le parti non va meglio in attacco. L’attaccante Barcos nel dopo partita si è lamentato per i pochi palloni giocabili e la difficoltà del Palmeiras nel costruire gioco.

Tutti i risultati della 5° giornata del campionato paulista:

Mirassol 0 x 1 Ituano
Linense 3 x 0 Paulista
Ponte Preta 2 x 0 Penapolense
Santos 3 x 1 São Paulo
Corinthians 5 x 0 Oeste
XV de Piracicaba 3 x 3 Palmeiras
Botafogo-SP 3 x 1 Guarani
São Bernardo 4 x 1 São Caetano
Atlético Sorocaba 4 x 0 União Barbarense
Mogi Mirim 4 x 1 Bragantino

Corinthians: Pato sarà presentato il 14 gennaio

by Stefano on

Pato presentazione Corinthians

fonte: lancenet.com.br

Tutto è pronto o quasi per il primo grande evento sportivo 2013 in Brasile, ovvero la presentazione ufficiale di Alexandre Pato al Corinthians. Il direttore marketing del club di Sao Paulo, Ivan Marques ha confermato la data del 14 gennaio, giorno in cui è prevista nel centro sportivo del Corinthians una grande festa aperta a moltissimi tifosi e giornalisti.

L’idea del club è riunire sia i giocatori reduci dalla campagna vittoriosa nel mondiale per club sia i nuovi arrivi: Pato ma anche il centrocampista Renato Augusto, il difensore Gil (che sta per essere annunciato ufficialmente).

Intanto il Corinthians ha già iniziato la vendita delle magliette di Pato, che anche in “bianconero” indosserà il numero 7.